Settembre e la prima torta di Mele

Settembre è torta di mele. Quella soffice e umida, che ti fa affondare i denti fino a toccare la fetta col naso. La torta che, cuocendo, profuma tutta la casa di torta. Un grande classico mai scontato, ma dalle mille varianti. Amo la torta di mele, amo Settembre e i suoi colori. E le domeniche ancora tiepide, che non sai come vestirti, che ti manca già l’estate ma quasi quasi nel maglione ci si starà bene.

Torta di mele e cannella. La domenica mattina con la caffettiera sul tavolo fino all’ora di pranzo.

Quantità per uno stampo da 24 centimetri:

  • 3 mele;
  • 200 g di farina 00;
  • 200 g di yogurt magro;
  • 2 uova grandi;
  • 150 g di zucchero semolato (o di canna);
  • 50 g di olio di semi;
  • Una bustina di lievito per dolci;
  • Una bustina di vanillina;
  • Scorza di un limone piccolo e di mezza arancia;
  • 2 cucchiai di zucchero semolato + 2 cucchiaini di cannella in polvere;
  • 1 cucchiaio di granella di mandorle

Procedimento:

Si comincia pesando farina e lievito, per poi setacciarli. Montate le uova con lo zucchero e la scorza del limone per almeno tre minuti ad alta velocità, il composto dev’essere chiaro e spumoso. Aggiungete l’olio a filo e continuate a mescolare con le fruste. Aggiungete a cucchiate la farina setacciata con il lievito, alternandola allo yogurt magro e la vanillina.

Lavate le mele, asciugatele, sbucciatele e tagliatele a fettine. Inserite l’impasto in una teglia apribile, precedentemente imburrata e infarinata. Disponete a raggio, partendo dall’esterno, le fettine di mela sull’impasto, affondandole leggermente. Dopo aver disposto le mele sulla superficie mescolate i due cucchiai di zucchero semolato con la cannella e cospargete la superficie prima di infornare. Infornate in forno statico e preriscaldato a 180 gradi per 45 minuti. Fate la prova stecchino prima di sfornare la vostra torta di mele.

Written By
More from dolcepolly

Torta turca di yogurt e fichi

Quanto mi piace l'autunno, l'aria diventa frizzante e tutto si colora di...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *